Klimahouse presenta

Klimahouse Wood Summit

Il legno è sempre più il materiale green di riferimento in edilizia. Di recente viene sempre più spesso integrato nella struttura portante di edifici grandi e complessi. La riprova della sua crescente importanza, è stato il convegno "Waiting for Klimahouse Wood Summit 2022", che si è tenuto in live streaming a gennaio ed è stato seguito da oltre 700 progettisti.

Con il Wood Summit in presenza - il 20 maggio a Klimahouse 2022 - si tratta di andare oltre e approfondire il ruolo del legno come cardine della transizione ecologica. La garanzia della continuità tra il “Waiting for“ di gennaio e il “Wood Summit” di maggio è rappresentata dal Prof. Guido Callegari e dall’Arch. Mauro Frate, delegati rispettivamente del Politecnico di Torino e dell'Università Iuav di Venezia. Al loro fianco sul palco saranno presenti a maggio due big di queste due istituzioni accademiche, ovvero il rettore dell'Università Iuav di Venezia, Prof. Benno Albrecht, e la Vice Direttrice del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, Prof.ssa Daniela Bosia.

Il legno verrà collocato nella previsione di lungo periodo in architettura: questo approccio, cosiddetto “futurista”, è adottato sempre più spesso da Enti governativi ed aziende in Italia e Germania, per ipotizzare possibili scenari alternativi rispetto a quelli più probabili. Questo in modo da fare oggi scelte di politica urbanistica il più possibile virtuose, che possano portare ad un domani migliore.

Per proiettare questa visione nel futuro, saranno presenti fra i relatori anche giovani progettisti innovativi. Al termine dei lavori, questa community potrà proseguire il networking nella stessa cornice del convegno, ovvero il FieraMesse H1 Eventspace, che diventerà la location perfetta per un party serale.

L'evento si tiene in lingua italiana senza traduzione simultanea

Vuoi partecipare al Klimahouse Wood Summit?

La partecipazione è gratuita ma su registrazione. Registrati subito, i posti sono limitati!

Registrati adesso
15.00

Introduzione e saluto

Thomas Mur, Direttore Fiera Bolzano

Prospettive per l’architettura delle città

Saluto e intervento

Prof. Benno Albrecht - Rettore Università Iuav di Venezia

L'architettura si configura da sempre come disciplina attraverso la quale sviluppare l'assunzione di responsabilità utile alla cura del mondo fisico, e alla sua difesa. Il progetto della città consolidata è in Europa oggetto di una discussione serrata. Ne emerge un progetto di città inedito, che ha riconosciuto nella necessità di conservazione di alcune sue parti la condizione indispensabile all'equilibrio culturale, del territorio e della società. 

L’architettura delle costruzioni in legno come processo di valorizzazione territoriale

Saluto e intervento

Prof.ssa Daniela Bosia, Vice direttrice del Dipartimento di Architettura e Design Politecnico di Torino

Le relazioni fra culture costruttive locali, architettura, paesaggio rappresentano, da sempre, l’esito di processi di valorizzazione territoriale sviluppati a partire da una visione eco-sistemica dell’abitare. Nel corso degli ultimi anni si sono sviluppati a livello nazionale nuovi scenari di lavoro che potrebbero consentire alla gestione delle foreste di divenire nuovamente un importante fattore di sviluppo locale con ricadute sul ruolo dell'architettura nella valorizzazione della cultura materiale. 

15.40

Il futuro non aspetta nessuno

Come sarà il nostro abitare?

Dott. Fabio Millevoi, Direttore ANCE Friuli Venezia Giulia e Socio Fondatore della Società dei Futuristi Italiani

La strada verso i 17 Goal dell’Agenda Onu 2030 è ormai tracciata. Il cambiamento è già in atto ma come dovrà evolvere il settore edile per agevolare la transizione verso la sostenibilità? Quali le scelte per realizzare edifici sensibili e circolari ma anche economicamente sostenibili? Difficile rispondere, ma le domande sono soprattutto uno stimolo per trovare delle risposte all’interno di un sistema che deve realizzare un reale rispetto dell’ambiente e una migliore qualità della vita.

Le radici dell’innovazione tecnologica nel settore delle costruzioni in legno in Italia

Le tappe, il sistema di valori e le identità di un percorso da valorizzare

Prof. Guido Callegari - Dipartimento di Architettura e Design Politecnico di Torino

Negli ultimi due decenni si sono determinate in Europa le condizioni per l’avvio di una traiettoria di innovazione delle costruzioni in legno. Il capitale umano ha sviluppato le competenze funzionali alla costruzione di una rete di sostegno a supporto della diffusione di nuovi sistemi costruttivi. 

L’esperienza acquisite in questo settore sono state trasferite in ambito internazionale determinando un ulteriore impulso nel mercato. Identificare oggi le tappe del percorso sviluppato in Italia è fondamentale per identificare il sistema di valori e di competenze che ha generato questa nuova prospettiva di lavoro.

16.20

​​Il legno nelle architetture

Un’attitudine da sviluppare nel futuro, un dialogo tra generazioni

Introduzione e accompagnamento dei 3 Testimonial: Arch. Mauro Frate - Studio MFA Architects, già contrattista IUAV

Trasformazioni puntuali di un territorio fortemente compromesso sono il principale oggetto degli esercizi progettuali degli architetti. Assumono sempre maggior importanza strategica interventi legati al miglioramento del patrimonio esistente. Se il 1800 è stato il secolo del ferro e il 1900 quello del cemento, il 2000 sarà l’età del legno? Come deve evolvere il nostro immaginario, l’aspettativa per le generazioni del futuro può essere quella di un’architettura nuova?

I tre architetti chiamati alla discussione saranno sollecitati non tanto ad un racconto delle proprie opere, ma ad una riflessione sul ruolo delle tecniche costruttive legate all’uso del legno.

Testimonial 1.

Il legno secondo MoDus

Arch. Sandy Attia, MoDus Architects, Brixen BZ

Testimonial 2.

Il legno secondo Officina 82

Arch. Lara Sappa, Studio Officina 82, Garessio CN

Testimonial 3.

Il legno secondo Studio ARBAU

Arch. Marta Baretti, Studio ARBAU, Treviso

Wood Community

Prospettive future e opportunità per la Wood Community

17.20

Conclusioni

I saluti e a seguire il Klimahouse Wood Summit Networking Party

In collaborazione con
Con il patrocinio di