Fiera Bolzano
Share |




Ultime news

Successo per Interpoma 2014

INTERPOMA
Il Trentino-Alto Adige, con il successo di Interpoma 20124 si conferma la culla della mela. Hanno visitato Interpoma 2014 quasi 18.000 operatori del settore, che hanno fatto registrare alla nona edizione di questa manifestazione legata alla mela un +12,5% di visitatori rispetto al 2012. 423 aziende espositrici provenienti da 20 nazioni e 17.974 visitatori provenienti da oltre 60 Paesi diversi, questi sono i numeri di questa nona edizione dedicata al mondo melicolo. “Tre quarti dei visitatori proviene da fuori Alto Adige, con un alta percentuale dall’estero, in particolare quest’anno è stata molto forte la presenza dei paesi dell’Europa dell’est e hanno partecipato delegazioni da tutti i continenti, tra cui Nuova Zelanda, Moldavia, Serbia, Afghanistan”, afferma Reinhold Marsoner, Direttore di Fiera Bolzano. 100% di commenti positivi e complimenti da parte dei visitatori di Interpoma 2014Dall’indagine condotta da Fiera Bolzano su un camp ... Continua
Successo per Interpoma 2014

Il Trentino-Alto Adige, con il successo di Interpoma 20124 si conferma la culla della mela. Hanno visitato Interpoma 2014 quasi 18.000 operatori del settore, che hanno fatto registrare alla nona edizione di questa manifestazione legata alla mela un +12,5% di visitatori rispetto al 2012.

423 aziende espositrici provenienti da 20 nazioni e 17.974 visitatori provenienti da oltre 60 Paesi diversi, questi sono i numeri di questa nona edizione dedicata al mondo melicolo. “Tre quarti dei visitatori proviene da fuori Alto Adige, con un alta percentuale dall’estero, in particolare quest’anno è stata molto forte la presenza dei paesi dell’Europa dell’est e hanno partecipato delegazioni da tutti i continenti, tra cui Nuova Zelanda, Moldavia, Serbia, Afghanistan”, afferma Reinhold Marsoner, Direttore di Fiera Bolzano.

100% di commenti positivi e complimenti da parte dei visitatori di Interpoma 2014
Dall’indagine condotta da Fiera Bolzano su un campione di 388 visitatori emerge che 100% degli intervistati valuta da “buona” (63%) a “molto buona” (34%), oppure “soddisfacente” (3%) la manifestazione e il 62% degli intervistati ha affermato di aver intenzione di concludere affari con gli espositori contattati.

Il pubblico di Interpoma è assolutamente specializzato, si tratta infatti di operatori del settore da tutto il mondo, per la maggior parte persone che si occupano di coltivazione di mele (55%), altre coltivazioni (17%), commercializzazione di frutta e verdura (11%) e commercio di macchinari agricoli (12%).

Soddisfazione degli espositori di Interpoma 2014
Tutti gli espositori intervistati hanno dimostrato un grande entusiasmo per l’esito positivo di questa nona edizione dell’unica fiera la mondo dedicata alla produzione, conservazione e commercializzazione della mela.

Il Dr. Riccardo Zanzi, responsabile commerciale Vivai F.lli Zanzi afferma: "Ormai partecipiamo da più di 10 anni, sia ad Agrialp sia ad Interpoma. La mia impressione è molto buona e siamo molto soddisfatti dei contatti acquisiti con operatori provenienti dai paesi dell'est. Interpoma è una fiera di massima importanza non solo per il mercato italiano, ma anche per quello estero. Torneremo sicuramente anche per la prossima edizione."

Anche Moira Marcon del marketing di Longobardi è rimasta molto soddisfatta: "Interpoma si sviluppa sempre di più mantenendo un livello molto alto e clienti sempre più internazionali. Questa è la 9a volta che partecipiamo e possiamo dire che sta raggiungendo il livello di una Fruit Logistica. A noi piace molto l'aspetto internazionale, abbiamo notato un grandissimo afflusso di visitatori provenienti dal Canada, dall' America e dalla Grecia. Siamo molto contenti dell'andamento di questa manifestazione e sicuri di partecipare anche alla prossima."

Roberto Cimadon, Direttore amministrativo di Holder Italia ha confermato: "Siamo contenti dei contatti che abbiamo registrato: puntiamo più sul mercato italiano ma abbiamo notato ampio interesse dai clienti austriaci e polacchi verso i nostri macchinari. Partecipare ad Interpoma è il nostro punto di partenza e ci saremo anche la prossima volta."

Grande interesse anche per i tour guidati e il congresso internazionale, 240 persone hanno accolto con entusiasmo l’offerta di Interpoma, delle visite guidate a impianti melicoli sul territorio e 1040 sono i congressisti che hanno partecipato alle tre giornate del convegno internazionale “La Mela nel Mondo” con particolare interesse per i nuovi flussi di mercato e l’organizzazione dell’offerta nel commercio mondiale della mela, la frutticoltura sostenibile e le future evoluzioni innovative, le novità della scienza e della ricerca e per come la frutticoltura deve adeguarsi al cambiamento climatico.

Tutte le informazioni: www.interpoma.it
Facebook: www.facebook.com/Interpoma
LinkedIn: www.linkedin.com/company/interpoma-cultvation-storage-&-marketing-of-the-apple
Live-Channel Youtube “Interpoma”: https://www.youtube.com/interpoma

Turbolenze nel mercato della mela

INTERPOMA
Il mercato internazionale della mela è in trasformazione, questa è la conclusione del 1° giorno di congresso alla fiera Interpoma, attualmente in svolgimento presso gli spazi espositivi della Fiera Bolzano (Sud Tirolo/Italia). I flussi di mercato risentono dei cambiamenti provocati in particolare dal calo nel consumo di mele, ma anche dall'embargo contro la Russia. L'attenzione dei paesi produttori europei è rivolta ora verso nuovi mercati. Per le varietà di mele club gli e ... Continua

Turbolenze nel mercato della mela

Il mercato internazionale della mela è in trasformazione, questa è la conclusione del 1° giorno di congresso alla fiera Interpoma, attualmente in svolgimento presso gli spazi espositivi della Fiera Bolzano (Sud Tirolo/Italia). I flussi di mercato risentono dei cambiamenti provocati in particolare dal calo nel consumo di mele, ma anche dall'embargo contro la Russia. L'attenzione dei paesi produttori europei è rivolta ora verso nuovi mercati. Per le varietà di mele club gli esperti provenienti da Europa, America e Nuova Zelanda vedono un potenziale aggiuntivo.

Di un momento difficile della frutticoltura ha parlato Georg Kössler, Presidente del Consorzio Mela Alto Adige e anche Arnold Schuler, Assessore Provinciale all’Agricoltura, nel suo discorso di benvenuto ha affrontato il tema delle sfide. L'ottima raccolta registrata in Europa e il blocco delle importazioni in Russia pongono grandi sfide ai distributori. Nella giornata inaugurale del congresso esperti internazionali provenienti dai principali territori di coltivazione delle mele si sono confrontati sulle questioni centrali della commercializzazione: Dove è localizzato il consumo del futuro? Dove sono i mercati del futuro e come cambieranno i flussi di mercato?

"Dobbiamo uscire dall'Europa", ha puntualizzato Helwig Schwartau, della Agrarmarkt Informationsgesellschaft. Attualmente in Europa si producono tra i 10 e i 12 milioni di tonnellate di mele, e il trend è in crescita. In particolare nell'Europa orientale la coltivazione è destinata ad aumentare, mentre il consumo di mele continuerà a diminuire. Chiusi i confini russi alle mele provenienti dall'Europa, i mercati europei sono saturi, secondo Schwartau. I flussi di mercato si sposteranno quindi verso Sud, verso il Nord Africa, il Medio Oriente e l'Asia. Schwartau vede invece nei mercati europei tradizionali ancora un potenziale supplementare per le varietà di mele club.

Gottfried Tappeiner, Professore presso l'Università di Innsbruck suggerisce ai distributori di insistere sul consumo. Secondo il suo parere la situazione è chiara: le mele devono sostituire i "prodotti che non sono mele"! Le mele sono infatti in concorrenza con diversi snack e deve aumentare la sensibilità dei consumatori nei confronti delle mele. 

L'embargo imposto alla Russa pone nuove sfide soprattutto ai melicoltori polacchi, come ha confermato Dominik Wozniak, della Rajpol Cooperative (PL), provocando alla fine la perdita degli acquirenti principali delle mele polacche.

Della sfida nel mercato americano della mela ha parlato Steve Lutz dell'Organizzazione di Distribuzione e Marketing CMI, Washington State. La coltivazione delle mele negli USA ha subito profondi cambiamenti:  il numero dei produttori è calato drasticamente dal 1997, anche la superficie coltivata si è ridotta di un quarto, mentre la quantità prodotta è rimasta costante. Come in Europa, anche in America si può osservare un calo dei consumi. Varietà club come Honey Crisp, Pink Lady e Ambrosia al contrario sono molto amate e richieste. Per Steve Lutz una grande sfida invece è rappresentata dalla fidelizzazione del cliente a lungo termine.

Anche per Peter Beaven, Presidente della WAPA, le varietà di mele club sono una grande speranza. In occasione di Interpoma ha illustrato le sfide che deve affrontare il mercato neozelandese della mela.

Tutte le informazioni sul congresso e tutte le presentazioni dei referenti trovate online: www.interpoma.it

Il video sul congresso internazionale "la mela nel mondo" trovate sul nuovo Live Channel di Youtube
https://www.youtube.com/user/interpoma
o direttamente al seguente link: http://youtu.be/y0q3RTlkhrA

Interpoma: oltre 400 espositori da 20 Paesi

INTERPOMA
Nuove varietà di mela, nuove mutazioni, nuovi metodi di protezione delle piante, nuovi macchi ... Continua

Interpoma: oltre 400 espositori da 20 Paesi

Nuove varietà di mela, nuove mutazioni, nuovi metodi di protezione delle piante, nuovi macchinari e attrezzature, nuovi prodotti … Tutto ciò che ruota attorno al settore melicolico è in scienza dal 20 al 22 novembre 2014 nei padiglioni di Fiera Bolzano (Alto Adige/Italia). A ritmo biennale infatti si svolge Interpoma che ad ogni edizione si presenta sempre più ricca di aziende: quest’anno al completo con oltre 400 espositori da 20 Paesi diversi.

Interpoma è l’unica manifestazione del settore in tutto il mondo, questa fiera internazionale presente su una superficie di 25.000 m² tutta la filiera dalla coltivazione alla conservazione fino alla commercializzazione del frutto di Adamo ed Eva. Sono molti i vivai che attendono come da tradizione di presentare le nuove varietà di mele e le migliorie implementate nelle mutazioni. Ma anche per la produzione sono in arrivo molte novità: per esempio pali in calcestruzzo leggeri con una resistenza maggiore oppure prodotti per migliorare la qualità dei prodotti come teli intelligenti per la riflessione della luce che migliorano il colore dei frutti. 
Le aziende presenti a Intermpoma hanno annunciato inoltre la presenza di novità e nuovi sviluppi nei macchinari e accessori necessari per la produzione di mele: trattori, strumenti per la lavorazione del terreno e per la raccolta, nuovi fitosanitari e accessori per il trasporto dei cassoni.  In fiera sarà esposto un sistema integrato di avanzamento cassoni su rimorchi che attraverso una catena trasportatrice porta le casse nella posizione desiderata.
Qualche novità anche nel comparto del controllo dei parassiti: il metodo „Puffer“ per la confusione sessuale degli insetti, una pietra miliare nella difesa contro i parassiti.  Si tratta di un dispositivo elettro-meccanico programmabile (diffusore) usato per l’applicazione di feromone in formulazione aerosol per la confusione sessuale (contenuto in una bomboletta).
In esposizione strumenti per la lavorazione della frutta e per la raffinazione dei prodotti come essiccatrici e passatrici. Inoltre, con le migliori aziende per la cernita, lo stoccaggio e imballaggio in fiera fettine di mela pronte al consumo, mousse di polpa mela  e succhi.

Biglietti e orari di apertura
Interpoma è aperta da giovedì 20 a sabato 22 novembre 2014 dalle 9 alle 18. Il biglietto per un giorno costa 18,00 euro (online 10 euro), il pass per tutte e tra le giornate costa 26,00 euro. L’entrata è gratuita per bambini sotto i 12 anni.
Biglietti per il congresso internazionale "La Mela nel Mondo":
1 giorno (compreso l’ingresso a Interpoma): € 60.00; 3 giorni: € 140,00
Tutte le informazioni: www.interpoma.it - @interpoma – facebook.com/interpoma

Nuovo record di visitatori per la Fiera d‘Autunno, Biolife e Nutrisan

FIERA D`AUTUNNO
Il trio di fiere autunnali ha registrato un afflusso di quasi 50.000 visitatori, il nuovo record ass ... Continua

Nuovo record di visitatori per la Fiera d‘Autunno, Biolife e Nutrisan

Il trio di fiere autunnali ha registrato un afflusso di quasi 50.000 visitatori, il nuovo record assoluto per la manifestazione da quando si svolge con la formula delle cinque giornate. Fino all’ultima ora di apertura i padiglioni di Fiera Bolzano erano popolati di visitatori alla ricerca di novità e prodotti tradizionali, delizie biologiche e consigli per le intolleranze alimentari. Soddisfazione piena anche tra gli oltre 500 espositori e partner istituzionali.
 
Anche se per molti anni è stata criticata come modello di manifestazione ormai superato, la Fiera d’Autunno ha invece saputo adattarsi alle mutate esigenze del pubblico e la nuova formula - un buon mix di mostra, mercato e intrattenimento – risulta essere molto efficace, come dimostrato ancora una volta dal successo dei numeri.

Naturalmente la Fiera d'Autunno di oggi non ha quasi più nulla in comune con la leggendaria “Campionaria”, una volta unico evento fieristico nell’arco dell’intero anno che riuniva per due weekend tutti i settori della Provincia sotto un unico tetto per presentare le principali novità. Dai numerosi settori espositivi indipendenti di allora hanno avuto origine negli anni fiere specializzate indipendenti e di successo.

Abbinata a Biolife e Nutrisan, due eventi dedicati ad uno stile di vita sano, la Fiera d'Autunno è oggi un prodotto di successo che piace al pubblico, premiato con un 94% di visitatori soddisfatti (risultati di un’indagine condotta da Fiera Bolzano). E anche molti espositori sono presenti da anni a questo appuntamento, come ad esempio Rittner Leuchten, che produce e vende lampade, ed il cui titolare Andreas Spögler ne spiega i motivi: “Non facciamo vendita diretta in fiera ma partecipiamo comunque da oltre 20 anni perché ci permette di far conoscere la nostra azienda ai clienti, cui vogliamo fornire poi in negozio la giusta consulenza.”
Una calamita di pubblico così forte finisce anche per convincere ogni anno nuove aziende a partecipare, come testimonia Giuseppe D'Auria dell’azienda Olio Lallo: “Facciamo olio d’oliva da 80 anni, veniamo dalla Campania e partecipiamo per la prima volta alla Fiera d’Autunno. La fiera è stata perfettamente organizzata e siamo rimasti molto contenti, superando le nostre aspettative.”

Negli ultimi anni Biolife è diventata una delle più importanti vetrine in Italia per prodotti biologici regionali di qualità, come viene sottolineato dal numero di visitatori in costante crescita e da un numero sempre maggiore di espositori provenienti dall’estero, che la scelgono quale trampolino per il mercato italiano.
Lo conferma anche Michael Kormesser, direttore delle vendite della ditta Sonnentor: „Biolife è una splendida fiera: organizzata perfettamente con un ottimo afflusso di visitatori e un buon mix fra consumatori, rivenditori e grossisti. Non siamo ancora molto presenti sul territorio e proprio con l’obbiettivo di farci conoscere abbiamo partecipato.“

Nutrisan ha dimostrato di essere il complemento perfetto per la Fiera d'Autunno e Biolife, e alla sua terza edizione può ormai contare su una solida base di espositori e su un pubblico interessato. Questa è l’impressione anche di Carlo Alberto Alinovi, responsabile vendite di Radeberger Italia, che ha presentato a Nutrisan, in esclusiva per l'Italia, la bevanda cult Bionade che in Germania ha già venduto milioni di bottiglie: “Ho un’impressione molto positiva. Questa è una fiera di alta qualità e interessante per acquisire una nuova clientela. C’è stato un ampio interesse per il prodotto: unico sul mercato e molto conosciuto in Germania.

La prossima edizione del trio di fiere autunnali avrà luogo dal 18 al 22 novembre 2015.

Trovate tutte le informazioni sulle manifestazioni, servizi video e foto sui rispettivi siti web:
www.autunno.fierabolzano.it
www.biolife.it
www.nutrisan.it

HOTEL 2014: hotellerie e ristorazione incontrano il business

HOTEL
•    38 edizioni con ottimi risultati e una continua crescita •   ... Continua

HOTEL 2014: hotellerie e ristorazione incontrano il business

•    38 edizioni con ottimi risultati e una continua crescita
•    20.400 presenze in quattro giorni di manifestazione
•    Oltre 600 espositori
•    3 appuntamenti di rilievo dedicati al vino: Autochtona – Vinea Tirolensis e Tasting Lagrein
•    Convegni e seminari di alto livello formativo ed informativo


Il business della ristorazione e dell’ospitalità professionale non conosce crisi. I risultati di Hotel 2014 confermano la leadership italiana del settore, con 20.400 visitatori professionali durante le quattro giornate della manifestazione, che si è svolta presso i padiglioni di Fiera Bolzano dal 20 al 23 ottobre 2014 e confermando anche i dati record della scorsa edizione.
 
Vincente l’idea di Fiera Bolzano di corredare la manifestazione con tre appuntamenti dedicati al vino. Autochtona, forum dei vini autoctoni si è svolta  dal 20 al 21 ottobre e con il premio “Autoctoni che passione!”, mentre Vinea Tirolensis si è svolta il mercoledì con la degustazione dei migliori vini prodotti in Alto Adige organizzata dall’Associazione vignaioli altoatesini (FWS) e il Tasting Lagrein il giovedì, con una degustazione comparativa di Lagrein. Il vino ha portato in fiera giornalisti internazionali che hanno fatto parte della giuria e valutato i vini presenti.
“È stato un evento molto stimolante dove abbiamo avuto la possibilità di assaggiare prodotti interessanti e anche difficili da trovare con un’ottima qualità media dei prodotti e anche l’accoglienza trovata in Alto Adige da parte dell’organizzazione è stata ottima”, afferma Christy Canterbury, Master of Wine USA  e Presidente della giuria Autochtoni che Passione!
 
Oltre venti gli eventi organizzati nel corso della manifestazione tra workshop, seminari e presentazioni. Infine un ampio spazio è stato riservato alla formazione, nella convinzione che puntare sullo sviluppo del know-how sia la carta vincente per mantenere e rafforzare la leadership italiana nel settore. I convegni di punta sono stati il Social Media Forum 20134, un’occasione per approfondire l’importanza dei canali social per aiutare le strutture alberghiere ad incrementare il proprio business rendendole sempre più “digital friendly” e il congresso “Ricostruire?! – Albergatori e architetti alla ricerca di nuove strade” che ha puntato su come dare slancio a strutture antiche e nuovi edifici rispettando l’ambiente e le tradizioni del territorio altoatesino.
Molto apprezzati anche gli eventi live, come la cucina in diretta di cuochi regionali, gli eventi legati al mondo della pizza e dei cocktail e le dimostrazioni dei panificatori, pasticcieri e gelatai presso lo stand dell’Unione Commercio Turismo e Servizi Alto Adige.

“C’è stata molta affluenza a tutti gli eventi del programma formativo di Hotel, questo dimostra che le persone sono pronte a informarsi e questo è un bene, soprattutto in periodi difficili”,  afferma Thomas Gruber, Direttore dell’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti (HGV). “La fiera si presenta bene, si nota come le aziende stanno investendo in innovazione e qualità e anche l’afflusso di visitatori è in continua crescita”, conclude Gruber. 
Dall’indagine svolta da Fiera Bolzano su un campione di 962 visitatori, di cui un 48,03% afferma di essere imprenditore e un 7,24% direttore, emerge che gli operatori provengono per la maggior parte dal settore alberghiero e hotel seguito da ristoranti e bar. Il 63,78% degli intervistati proviene dall’Alto Adige, il 16,61% dal Trentino e quasi il 20% da altre regioni d’Italia e dall’estero (1,39%). Gli operatori intervistati hanno espresso quasi il 100% dei consensi positivi considerando la manifestazione “buona” 58,39%, “molto buona” 37,53%, “soddisfacente” 3,66% e solo lo 0,43% non si è espresso in maniera positiva.

Grande soddisfazione da parte degli espositori presenti per il grande afflusso e la qualità dei visitatori che hanno visitato i loro stand durante questa quattro giorni.
Marcello Arnoldi, responsabile vendite Italia di Hendi Food Service Equipment afferma: “Hotel è stata una bomba, ci aspettavamo che andasse bene, ma non mi aspettavo davvero un feedback così positivo. Ci hanno visitato clienti da varie parti d’Italia e abbiamo concluso diversi contratti in fiera sia con clienti italiani che esteri”.
“A livello di contatti siamo molto soddisfatti, abbiamo avuto 20-25 contatti degni di nota al girono e per noi Hotel è stata una buona piattaforma di lancio. Impeccabile anche dal punto di vista dell’organizzazione”, afferma soddisfatto Marco Capostagno Solution Specialist di Meiko Italia “Noi facciamo fiere tutti i mesi e questa segue il passo dei grandi player”, ha concluso Capostagno.
Anche Carlo Gava, Direttore commerciale Italia di Piroche Cosmetiques è soddisfatto di quest’edizione: “Hotel è una rassegna molto valida e importante in regione e la frequenza in questi giorni è stata molto alta. Anche l’organizzazione dei convegni ben frequentati è un’offerta molto importante e noi ci riteniamo soddisfatti”.
“Siamo presenti già da otto anni a questa fiera, quest’anno avevamo un prodotto che deve essere visto e spiegato personalmente, non sarebbe possibile mostrarlo solo in tv o in internet. Siamo molto contenti di questa edizione, abbiamo avuto molti buoni contatti e abbiamo già chiuso alcuni contratti direttamente in fiera”, conferma Christian Peer, CEO di Peer Srl.

La prossima edizione di Hotel e Autochtona si svolgerà dal 19 al 22 ottobre 2015.

Avvisi

Invitiamo i nostri espositori a fare attenzione a proposte inviate da Fairguide.com e Expo-guide.com per l'inserimento nei relativi annuari: maggiori informazioni.

La nostra energia pulita  

Potenza nominale in uscita
- 945.76 kWp
Energia generata
- 6124353.07 kWh
CO2 risparmiata
- 3650114.43 kg

Eventi a Bolzano  

Meteo  

Follow us on  

Fiera Bolzano Messe Bozen on Facebook Fiera Bolzano Messe Bozen on LinkedIn Fiera Bolzano Messe Bozen on Twitter Fiera Bolzano Messe Bozen on Youtube Our NEWSLETTER

Fiera Bolzano Spa Piazza Fiera 1, I - 39100 Bolzano • tel: +39 0471 516000 • fax: +39 0471 516111 • info@fierabolzano.itfieramesse.bz@pec.it • P.IVA 00098110216 • copyright
Registro Imprese Bolzano nr. 00098110216 • Capitale Sociale interamente versato 23.000.000 • Informativa privacyPrivacy policyWeb Partner