Fiera internazionale del noleggio e dei servizi per gli sport invernali

9 - 11 aprile 2015
09.00-18.00 / sab 09.00-17.00

Fiera internazionale del noleggio e dei servizi per gli sport invernali
  PROWINTER è ...
Share |
Dolomiti sotto le stelle Sport4Trade

L'appuntamento b2b dedicato al noleggio e ai servizi per gli sport invernali

La prossima edizione di Prowinter, manifestazione di riferimento per il settore del noleggio e dei servizi per gli sport invernali, si svolgerà nuovamente alla fine della stagione invernale, dal 9 all' 11 aprile 2015, a Bolzano (Alto Adige / Italia).

Prowinter svolge da sempre una funzione informativa e di supporto, costituendo un insostituibile punto di riferimento per i visitatori, un concreto momento di affari e un’occasione unica di aggiornamento. Durante i tre giorni della manifestazione è possibile conoscere i trend e le novità dell’inverno successivo.

Per la quarta volta Prowinter arricchisce la sua offerta per espositori e visitatori con Prowinter Skitouring, il focus dedicato all'attualissimo tema dello scialpinismo.

Tecnologia e sport invernali sorridono a fine stagione

La data di svolgimento costituisce un ulteriore motivo di apprezzamento da parte del mercato. Bolzano, città situata in una delle regioni d’Europa più conosciute al turismo invernale, rappresenta il luogo d’incontro ideale nel quale si danno appuntamento gli operatori del settore provenienti dalle regioni alpine più note per reperire informazioni sulle novità tecniche e sulle tendenze sportive in vista dell’imminente avvio del mercato estivo, ovvero in previsione degli investimenti pianificati per la stagione invernale 2015/2016.



Clicca sull'immagine per scaricarla in alta risoluzione.
L'utilizzo delle foto è liberamente consentito a patto di citare la fonte: Fiera Bolzano Spa, dove non diversamente specificato.

Prowinter channel

Ticket online  

Find us on Facebook  

Photo Gallery

Press News

 
06/03/2015
2015

Share |
Prowinter 2015: spazio alle novità della montagna invernale

Aziende e operatori del settore aspettano tutto il popolo di professionisti e skilovers per una tre giorni di confronto alla scoperta delle novità e tendenze della prossima stagione invernale.


Parte il conto alla rovescia per l'avvio della nuova edizione di Prowinter, unica fiera b2b dedicata al noleggio e ai servizi per gli sport invernali in programma dal 9 all'11 aprile a Bolzano. Come ogni anno, la kermesse darà ampia visibilità a tutte le ultime tendenze del settore facendo il punto sulla stagione appena conclusa e annunciando le novità per quella 2015/2016.

Dall'abbigliamento classico, per i vari sport invernali, a quello da gara fino a quello termico, dalle attrezzature agli accessori, dal materiale dedicato alla sicurezza agli equipaggiamenti da sopravvivenza, passando per tutto quel che è servizio al cliente con focus, in particolare, sul mondo del noleggio e sulle discipline dello scialpinismo e del freeride. Queste, in sintesi, le categorie merceologiche che si snodano attraverso gli oltre 100 espositori che si presenteranno in fiera.

Parole d'ordine? Colore, multifunzionalità, personalizzazione, leggerezza, efficienza, sicurezza. Come recentemente raccolto dal TIS - il centro promotore per l'innovazione, la cooperazione e il trasferimento di tecnologie per il sistema innovazione dell'Alto Adige - nel corso della fiera Ispo di Monaco di fine gennaio, appare evidente come il mondo della montagna sia interessato da un costante fermento orientato alla ricerca di soluzioni sempre più performanti e customer oriented.

Al di là delle novità in termini estetici che, attraverso un uso vivace del colore, caratterizzano fortemente abbigliamento ed attrezzature, si registra un forte impegno delle aziende del settore in termini di innovazione, valore su cui si gioca la vera partita del posizionamento e della distintività.

Grande dinamismo, in particolare, si rileva nel mondo dei tessuti - tra termoregolazione e sostenibilità - dei materiali, in cui leggerezza, flessibilità, resistenza e funzionalità riescono a convivere perfettamente, e di tutto ciò che consente di godersi a pieno l'esperienza in pista e fuori pista. A garantire queste funzioni sono tessuti come ‘Textile intelligence inside’ di Heiq che agevola la termoregolazione del corpo in funzione delle condizioni ambientali, ‘Smarter way to run’ di Sensoria che mediante sensori incorporati nel tessuto registra i dati relativi alla distribuzione della pressione sul piede durante la pratica sportiva.

Chi si affaccia agli sport invernali ha oggi la possibilità di dotarsi di un'ampia gamma di strumenti dedicati all'intrattenimento - basti pensare a tutte le soluzioni "no cables" dedicate all'ascolto della musica -,  alla condivisione delle proprie esperienze, al controllo delle reazioni del proprio corpo e alla misurazione delle proprie performance, come ‘The Dash’ di Bragi, che possono addirittura essere amplificate con abbigliamenti in grado di amplificare la contrazione muscolare naturale dell'atleta attraverso impulsi elettrici, come con l’‘Antilope Suit’ sviluppata da Wearable Life Science.

Non solo. L'infinito universo delle app dedicate a questo mondo consente di accedere ad una quantità infinita di informazioni utili allo sciatore, non solo in termini di percorsi, con addirittura la possibilità di localizzazione di altri utenti, ma anche di meteo e sicurezza.  ‘Know more – Ski more’ di Fatmap fornisce ad esempio una mappa 3D dettagliata di piste, impianti di risalita ed hotel, informazioni relative al rischio valanghe con un sistema di tracciamento per la localizzazione di altri utenti. Altre App e tecnologie innovative con sensori per il self tracking sono state presentate ad Ispo da Clothing+ e Rooti per quanto riguarda la misurazione della frequenza cardiaca, Fitbit, Samsung, Tom Tom, Garmin, Polar e Sunto per il settore smart watches.

E per chi ancora non si sente pronto ad affrontare la neve, non mancano i simulatori che riproducono esattamente le sensazioni in pista come ‘Ski Simulator’ di Skytech, sensori come ‘Xon Snow-1’ di Cerevo che consentono l’analisi e la valutazione della tecnica di discesa, occhialini digitali ‘Oculus Rift’ con ampio campo visivo e sensori di movimento.

Nel settore della sicurezza e della prevenzione delle valanghe, interessante il nuovo ‘Safety Academy Mountain 3D (SAM)’, sviluppato da Ortovox in collaborazione con l’altoatesino Ulrich Schwingshackl di Riskprotect, che mediante un plastico 3D consente di ottenere informazioni riguardanti la possibile formazione delle valanghe considerando l’irraggiamento solare dei versanti.

 

All’interno di uno scenario in continua evoluzione come quello degli sport invernali e della sicurezza in pista, Prowinter consolida il proprio ruolo di piattaforma espositiva e di confronto dedicata agli addetti ai lavori, con le ultime novità e i protagonisti del settore.

 
23/01/2015
2015

Share |
A Prowinter 2015 tutto sulla sicurezza in pista e fuori pista

Nel corso della manifestazione si potranno scoprire tutte le ultime novità pensate per garantire sicurezza in montagna, grazie ad uno dei cinque settori espositivi, dedicato agli equipaggiamenti per il pronto soccorso. 

È certamente la sicurezza una delle tematiche di maggiore importanza affrontate da Prowinter, l’unica fiera b2b dedicata al noleggio e ai servizi per gli sport invernali, in programma dal 9 all’11 aprile 2015 a Fiera Bolzano.

“Trattandosi di una kermesse che dedica ampia attenzione allo scialpinismo, fenomeno che da anni è interessato da una crescita inarrestabile – ha dichiarato Gernot Rössler, presidente di Fiera Bolzano –non potevamo prescindere dal riservare un’area espositiva ai produttori e alle associazioni impegnate a garantire la sicurezza sia in pista che fuori pista”.

Del resto, un’adeguata conoscenza delle tecniche e degli strumenti utili a prevenire i rischi e a fare fronte alle situazioni di pericolo in cui ci si può imbattere è fondamentale per poter affrontare la montagna, soprattutto nella stagione invernale.

“Spesso – ci racconta Egidio Bonapace, Presidente Accademia della Montagna – si rileva una overconfidence, soprattutto tra chi frequenta maggiormente la montagna, ovvero una percezione non adeguata del rischio. Per questo – prosegue – è davvero importante lavorare fortemente sulla prevenzione, cosa che noi facciamo con serate informative sul territorio, organizzate dal tavolo della montagna sulla sicurezza che vede impegnati il Soccorso Alpino, le guide alpine, la Sat, i gestori di rifugio e l'Accademia stessa. In questa direzione, tra l'altro,per merito delle guide alpine, è stato creato Nivolab, uno strumento - presentato in anteprima proprio nel corso dell’ultima edizione di Prowinter - che, a partire dalla situazione meteo e dalla posizione dell’escursione, offre un quadro più puntuale del rischio e una valutazione ambientale attraverso l’inserimento di dati legati all’osservazione diretta della situazione”.

“Uno strumento realizzato inizialmente su un modello cartaceo – aggiunge Martino Peterlongo, Presidente delle Guide Alpinedel Trentino – che da qualche mese è stato sviluppato anche sotto forma di App. Digitalizzazione "user friendly" che è piaciuta tanto da essere stata scaricata gratuitamente da oltre 2.000 utenti ad oggi, segno che c’è sempre maggiore consapevolezza dell’importanza di dotarsi di strumenti adeguati prima di affrontare la montagna. Ma ovviamente non basta. È necessario – prosegue – seguire sempre le regole di buon comportamento, evitare atteggiamenti pericolosi e affidarsi, se necessario, all’esperienza dei professionisti, come le guide alpine, prima di affrontare tali tipi di attività”.

Va detto che il numero di scialpinisti che si affaccia al fuori pista è in costante aumento benché per molti il background di esperienza sia ancorato ad attività su terreni sportivi o monitorati come, a semplice titolo di esempio, gli allenamenti a bordo pista o i raduni di scialpinismo. Quando ci si sposta fuori dalle piste o dai bordi dell’area sciabile, è ovvio che il terreno di gioco cambia completamente ed una adeguata esperienza e formazione sono indispensabili per evitare gli incidenti.

Per gli enti istituzionali è dunque indispensabile lavorare nel lungo periodo al fine di attuare una vera e propria trasformazione culturale che possa contenere gli incidenti in montagna legati ad atteggiamenti superficiali. Rimane fondamentale, inoltre, attrezzarsi adeguatamente con Arva, pala e sonda – il kit necessario per essere ritrovati in tempi rapidi dai propri compagni nel caso in cui si dovesse essere vittime di incidenti valanghivi.

La sicurezza non è un tema che interessa solo scialpinisti o freerider ma è altrettanto importante in pista. E sono tante le aziende che operano al fine di garantirla e che interverranno a Prowinter per mostrare le ultime evoluzioni del settore

Tuttavia, anche in presenza delle migliori protezioni è necessario che chi approccia la montagna lo faccia con un’adeguata preparazione fisica, rispettando il “codice della strada”, informandosi sulla dislocazione e difficoltà delle piste che intende affrontare e dotandosi di un’attrezzatura adeguata. Poche semplici regole che, se rispettate, consentono a tutti di vivere a pieno la bellezza della montagna senza mettere in rischio né la propria incolumità né quella altrui.

Fondamentale, in questo senso, il ruolo di FISPS - Federazione Italiana Sicurezza Piste Sci -, tra gli espositori in fiera, che oltre al primo soccorso si occupa anche di sicurezza, collaborando con i direttori di stazione pattugliando le piste, per controllare che queste siano sempre in ordine, verificando le condizioni delle piste stesse, la palinatura di demarcazione, la cartellonistica e le protezioni. “Oltre alla prevenzione degli incidenti, quando questi (purtroppo) avvengono, i pattugliatori FISPS - specifica Marco Gaffuri, direttore della scuola nazionale FISPS e medico radiologo dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – intervengono applicando le procedure del 118, grazie alla loro formazione tecnica e sanitaria di alto livello, con il trattamento delle lesioni più semplici fino alla rianimazione cardio-polomonare. La presenza di operatori perfettamente preparati ed equipaggiati, sia sotto l’aspetto sanitario che tecnico, è sempre più indispensabile sulle piste da sci al fine di garantire a tutti gli sciatori un servizio di assistenza e soccorso assimilabile a quello disponibile su strada o in città. Oltre ad essere in grado di trattare tutti gli sciatori con traumi ed il loro trasporto a valle, con il mezzo più opportuno in totale sicurezza, i pattugliatori della Federazione sono formati ed abilitati all’uso del defibrillatore (DAE), apparecchio indispensabile nei primi minuti di arresto cardio circolatorio".

 
17/12/2014
2015

Share |
Prowinter tra customizzazione dell’offerta e materiali sostenibili e ultraleggeri

Continuo fermento per le tecnologie legate al mondo della neve. Obiettivo: soddisfare le esigenze emergenti, legate soprattutto alle nuove pratiche sportive, e rianimare un settore che ha subìto un importante freno negli ultimi anni, con un occhio alle soluzioni sostenibili. Questo e molto altro dal 9 all’11 aprile 2015 a Fiera Bolzano.

Cambiano le tendenze, si affacciano nuove pratiche sportive e si sperimentano materiali innovativi, con alcuni segnali di ripresa che fanno ben sperare il settore. La stagione 2013-2014 ha infatti visto unincremento di venduto sull'anno precedente, sia per gli sci (182.120 paia vs 173.837) che per gli scarponi (188.278 paia vs 175.892), che si è tradotto in un aumento di fatturato totale, da 52,9 agli attuali 55,1 milioni di euro (di cui 31,7  milioni per gli sci e 15,9 milioni per gli scarponi)*.

Un quadro ancora in salita che, però, lancia segnali incoraggianti agli operatori del settore, sempre pronti a rispondere puntualmente alle nuove esigenze dei consumatori. E per comprendere a pieno l'universo della montagna invernale ed essere aggiornati su tutte le ultime novità, l'appuntamento anche quest'anno è con Prowinter, l'unica fiera b2b dedicata al noleggio e ai servizi per gli sport invernali in programma a Bolzano dal 9 all'11 aprile 2015.

I trend sono principalmente legati ad un nuovo modo di vivere la montagna, come dimostrano l'aumento degli scialpinisti, dei freeriders e degli Slons - acronimo di "Snow lovers no skiers" - cioè coloro che amano la neve ma la vogliono vivere senza essere legati alle pratiche sciistiche (categoria che, secondo i dati di Skipass Panorama Turismo-Modena Fiere, ha raggiunto le 780.000 unità).

Si assiste così ad una continua ricerca delle aziende al fine di proporre prodotti all'avanguardia per chi fa affidamento sulle proprie forze, e non sugli impianti di risalita, per raggiungere le vette. A questo proposito, Alex Pranker, manager di un distributore esclusivo di importanti articoli nel settore sportivo con particolare accento per il mondo dell'attrezzatura e dell'abbigliamento per lo sci e la montagna - segnala come "la tecnologia degli attacchi di scialpinismo si debba concentrare soprattutto sul risparmio di peso, non sottovalutando comunque la questione della sicurezza e del comfort in sciata, elementi su cui da anni lavora il marchio FRITSCHI". Esigenze di leggerezza confermate anche dal sempre maggiore utilizzo del carbonio, nelle sue varie declinazioni, per le attrezzature, come sottolinea Fabio Furlanis, responsabile marketing di una società finlandese specializzata in attrezzature sportive.

Che lo scialpinismo sia in crescita lo dimostra anche l'ampia offerta di sci a disposizione per questa particolare disciplina. Roberto Formento, uno dei soci del distributore in Italia di abbigliamento, materiali tecnici e accessori sportivi legati a sci e snowboard - ricorda come l'azienda Movement ne proponga ben 15 modelli sui 40 totali dedicati allo sci.

Ma le novità non si fermano qui. Rilevante la visione "consumercentrica" di molte aziende produttrici, che puntano ad una totale personalizzazione delle proposte. "Come la termoformatura dello scarpone fatta sull'utente, prima appannaggio solo degli sciatori di racing, proposta da Salomon - ricorda sempre Furlanis - o i Salomon X-Race che, a seconda delle differenti lunghezze, offrono raggi di curva che vanno da 11 a 19 metri, in modo che ognuno possa scegliere quella che maggiormente si adegua alle proprie esigenze di sciata".

Rivoluzioni, inoltre, nel campo dell'abbigliamento, che abbraccia anche tutto il mondo dell'après ski per offrire soluzioni termoregolanti e comode non solo nel corso della pratica sportiva ma anche in tutti quei momenti di svago e relax che l'ambiente montano è in grado di offrire.

Un segmento in cui emerge un interesse crescente verso i materiali sostenibili, soprattutto fra i giovani. Ne è prova, come segnala Roberto Formento, il successo di Picture Organic Clothing, il marchio di abbigliamento rispettoso dell'ambiente, fatto al 100% con materiali riciclati e di origine biologica, che utilizza per la prima volta e in esclusiva una membrana in bioceramica in grado di migliorare la termoregolazione. È recente, per esempio, il premio per il primo guscio realizzato con materiali riciclati e interamente riciclabile in tutte le sue parti: lo strato interno è ottenuto da bottiglie di plastica, quello intermedio dai cruscotti delle auto e quello esterno dal mais.

Una filosofia assolutamente in linea con le nuove modalità di approccio alla montagna: più slow, esperienziali e rispettose della natura poiché orientate alla ricerca di un vero e proprio contatto con essa.

 

 

*dati Pool Sci Italia

 
24/11/2014
2015

Share |
A Prowinter 2015 le novità della montagna tra scialpinismo e freeride

Dal 9 all'11 aprile 2015, le più importanti aziende produttrici di materiali e attrezzature per gli sport di montagna e i rappresentanti delle migliori stazioni sciistiche europee si danno appuntamento alla Fiera di Bolzano per una tre giorni di dialogo e confronto sulle nuove tendenze in arrivo. Focus sui segmenti più dinamici del comparto.

Ritorna Prowinter a Bolzano, l'unica fiera b2b dedicata al noleggio e ai servizi per gli sport invernali che, anche quest'anno, dedica ampia attenzione allo scialpinismo, fenomeno che continua inarrestabile a conquistare nuovi seguaci: sono infatti oltre 50.000 i praticanti italiani nella stagione 2014/2015, come indicano i dati attualizzati dell'Osservatorio Italiano del Turismo Montano promosso da Skipass Panorama Turismo.

Sarà la possibilità di godere di un rapporto privilegiato con la natura, fuori dai soliti percorsi di massa, sarà la soddisfazione di guadagnarsi una discesa dopo aver conquistato la vetta con i propri sforzi, sarà la voglia di mettersi alla prova e scoprire i propri limiti, fatto sta che anche quest’anno questo segmento si conferma il più dinamico del comparto (+6,25% sulla stagione precedente a fronte, per esempio, di un +0,33% dello sci alpino, di un +3,06% dello sci da fondo e di un -1,42% dello snowboard*).

Numeri che non possono essere ignorati dalle grandi aziende che operano nel settore, sempre pronte ad intercettare le nuove richieste dei consumatori al fine di studiare i materiali e le attrezzature più idonee per vivere al meglio la montagna ed affrontare le discipline che si affacciano di anno in anno nel mercato della montagna bianca. 

Ed è proprio a Prowinter che negozianti e operatori del settore potranno scoprire tutte le novità degli oltre 300 espositori presenti per una tre giorni di dialogo e confronto tra professionisti. Tra i focus della manifestazione, accanto allo scialpinismo spicca quest’anno anche il Freeride, l'attività fuoripista su neve fresca che ha come scopo non tanto l'allenamento fisico quanto il divertimento e la ricerca di libertà, un trend che piace sempre di più.

Anche se è ancora marginale la quota di coloro che lo praticano in maniera "esclusiva" (15% del totale praticanti*), sta infatti guadagnano posizioni nelle classifiche di gradimento degli amanti della montagna, destando di conseguenza l'interesse sia delle aziende produttrici sia delle destinazioni turistiche, che puntano ad attrezzarsi di conseguenza per offrire nuovi servizi su misura.

Emerge dunque una sempre più frequente ricerca di discipline "free", attrattive non tanto per la loro economicità - al contrario dello scialpinista, il freeriders tende comunque ad utilizzare gli impianti di risalita per godersi al meglio la discesa - ma per il fatto che offrono un punto di vista inedito della montagna. Pratiche sportive in cui viene meno l'elemento competitivo a favore di quello emozionale, tanto da essere praticate prevalentemente in gruppo per favorire la condivisione dell'esperienza. 

"Abbiamo deciso - ha dichiarato Reinhold Marsoner, direttore di Fiera Bolzano - di proseguire con la strada intrapresa tanti anni fa, quando fummo i primi ad intuire le grandi potenzialità di crescita dello scialpinismo, segmento per cui siamo ormai diventati un punto di riferimento. Per questa sedicesima edizione della manifestazione ci aspettiamo - ha proseguito – tra i 5.000 e i 6.000 visitatori, numero che corrisponde alle presenze medie degli anni passati quando Prowinter si svolge senza la sorella degli investimenti in infrastrutture per il turismo invernale, Alpitec. Questa manifestazione favorisce ancora una volta lo scambio di know how tra operatori del settore che scelgono di venirci a trovare per avere una visione globale dei trend attuali".

* dati dell'Osservatorio Italiano del Turismo Montano promosso da Skipass Panorama Turismo

 
23/07/2014
2015

Share |
Fissata la data per Prowinter 2015

La fiera internazionale del noleggio e dei servizi per gli sport invernali si svolge da giovedì 9 a sabato 11 aprile 2015 a Fiera Bolzano. Su grande richiesta degli espositori torna il sabato a Prowinter.

La grande quantità di neve che è caduta sulle alpi lo scorso inverno e nei primi mesi di primavera consente l’apertura di molti impianti posizionati ad alta quota anche in estate e, mentre gli appassionati e gli atleti godono dello sci estivo in contesti davvero speciali, Fiera Bolzano ha fissato la data della prossima fiera internazionale del noleggio e dei servizi per gli sport invernali. Prowinter si svolge dal 9 all’11 aprile 2015.

È appena calato il sipario ad aprile su Prowinter, la fiera internazionale del noleggio e dei servizi per gli sport invernali a Bolzano, che si è svolta come ogni due anni con Alpitec, la fiera internazionale specializzata per la tecnologia alpina ed invernale, con la presenza di 330 aziende e circa 9.100 visitatori tra cui un parterre di atleti di fama mondiale e i rappresentati delle migliori stazioni sciistiche europee, ma il team di Prowinter è già al lavoro per l’organizzazione della prossima edizione, per intercettare con anticipo le evoluzioni del mercato. Nel 2015 Fiera Bolzano ha deciso di inserire nuovamente il sabato come giornata per Prowinter, valutando le numerose richieste fatte dalle aziende, tra cui molte hanno già manifestato parere positivo per la partecipazione nel 2015.

Paolo Rossi, Titolare di Extreme Winter Equipment Srl: “La fiera Prowinter rappresenta per noi un punto di ritrovo con le varie società sportive del Nord Italia e soprattutto dell’Alto Adige, ma è anche un’importante appuntamento per incontrare il mondo dei negozi sportivi e, in generale, tutti gli operatori del settore”.

Pietro Colturi, Managing Representative di Italy Burton: “Abbiamo creduto in Prowinter fin dalle prime edizioni e abbiamo sempre avuto ottimi riscontri. Il mercato del noleggio è importante, sano e sta crescendo in un certo modo. Ecco perché la nostra azienda ha sempre scelto di partecipare portando le proprie innovazioni e investendo sia nella presenza sia nei prodotti. Per noi è sempre stato un mercato interessante”.

Stefano Silvestri, Wintersport Category Manager di Mares SpA - Head: “Head è un’azienda estremamente innovativa rispetto al lancio di nuove tecnologie sul mercato e per noi Prowinter è una vetrina estremamente importante, soprattutto per quanto riguarda il settore trade, quindi una piattaforma strategica per andare a concludere quelli che sono accordi e contratti che andiamo a definire durante l’anno”.
Michele Villotti, General manager di Silhouette Italia Srl - Adidas Eyewear Italia: “Da cinquant’anni abbiamo la licenza esclusiva per la produzione e la distribuzione mondiale del marchio Adidas Occhiali. Per noi è fondamentale che un prodotto altamente tecnico possa venire spiegato, e questo è certamente il palcoscenico migliore per noi”.

Follow us on  

Prowinter on Facebook Prowinter on LinkedIn Prowinter on Twitter Prowinter on Youtube Our NEWSLETTER

Fiera Bolzano Spa Piazza Fiera 1, I - 39100 Bolzano • tel: +39 0471 516000 • fax: +39 0471 516111 • info@fierabolzano.itfieramesse.bz@pec.itwww.fierabolzano.it • P.IVA 00098110216
Registro Imprese Bolzano nr. 00098110216 • Capitale Sociale interamente versato 23.000.000 • Informativa privacyPrivacy policycopyright